L’irrilevanza della propria vita davanti alla bellezza dell’oceano

Una sera bellissima in solitudine davanti all’oceano indiano

Dialogo irreale dell’oceano con Miksocrate                   
                                                                                                                



Ocean foto in attesa

"Esistono solamente due specie di follie contro le quale dobbiamo proteggersi
Una è la credenza secondo la quale possiamo fare tutto.
L'altra è quella secondo la quale non possiamo fare niente."
(André Brink, scrittore sudafricano)


pugnate_by_salvaterra-d4cc63o

Voi uomini vivete la vostra insignificante vita come chiocciole nei vostri gusci troppo pesanti da sostenere per valicare i grandi oceani che vi separano dalle azioni e dai pensieri. Vi comportate con un’abilità da vecchi titolari di rendite vitalizie in modo che, non succeda nulla fra voi.
Siete dei vecchi corpi invasi da parassiti e dai residui della memoria che sognano nei loro letti su quello che succedeva una volta e su quello che potrebbe succedere domani.
 
State sulla terra in case per difendere assiduamente la vostra proprietà contro i proprietari vicini e contro quelli che non possiedono nulla. La vostra realtà si è dissolta, l’esistenza è in fumo e le passioni immaginarie al vento. Tutto ciò in nome della produzione di beni fine a se stessi e a poca importanza che siano cellulari o bombe a mano.
Eppure un lavoro esiste e deve esserci un possesso reale, voglio dire per i contadini, i poeti, gli scrittori o i pescatori o dovete solo produrre senza sapere cosa state facendo?
Si può produrre e crescere all'infinito?
Perché date valore allo stato sociale di un singolo?Forse perché siete stati educati per rafforzare l’idea dell’uomo produttivo piuttosto che l’uomo in se,
come a preservarvi o a cancellare la memoria d’idee diverse che vi avrebbero per forza portato alla conoscenza. Siete proprio sicuri che questa evoluzione economica senza pensiero possa durare?
Posso ammettere quasi con certezza che non create più il sociale, ma l’opposto, siete ormai alla ricerca di un lavoro a tutti i costi senza nessuno scopo che non sia materiale.
Stimate degli uomini perché producono occupazione nonostante siano spesso grezzi e volgari, onorate i vostri giovani che si ammazzano di lavoro, ma che mancano di arguzia e pensiero, elogiate i cosi detti bravi ragazzi che hanno mille sacrifici sulle spalle e una buona posizione e lì ammirate anche quando questi rubano, corrompono o producono armi di distruzione di massa. Tutto ciò fa si che nel pianeta, siate legati a milioni d’individui in rapporti solo meramente lavorativi e le vostre relazioni umane sono fondate solo sull’utilizzo. Siete ormai simili a un utensile da supermercato usa e getta. Che cosa ci fate dentro i vostri corpi? Forse siete dentro ad eterne valigie in un rullo trasportatore all’aeroporto di Dubai . Poi spesso, nell’ipocrisia totale qualcuno di voi muore ed ecco allora che vi disperate, e pensando alla vittima vi stupite di quel lavoro non chiedendovi mai cosa effettivamente quell’uomo stesse facendo della propria vita.
In realtà ciò che vi conferisce valore non siete più voi come persone o l’ambiente, dove vivete, non più le azioni che avete fatto nella vostra vita bensì il sacrificio estremo nel sistema produttivo.Chi di voi poi ha sacrificato l’esistenza “per un giusto fine” lo si commemora dicendo che ha fatto semplicemente il suo dovere, innalzandolo come bestia o come martire della società. Cosi da semplice vittima, trasformate un ignoto disgraziato in ispiratore del pensiero dominante, per poi come avvoltoi riunirvi piangendo, nella nobiltà del lavoro, e sposare per sempre l’idea che il bene comune è consumarsi fino alla morte .







 La vostra legge dice: Produrre sempre a minor costo per poi possedere un oggetto e devastare il pianeta.Sempre accompagnati dalla beota stupidità che tutto è consentito e niente infinito. Non contenti andate a scovare fin nel paesino più remoto l’individuo vergine per convertirlo ai falsi bisogni e inondarmi di rifiuti delle vostre produzioni.
Alla vostra epoca manca completamente un’etica produttiva e una visione nobile degli esseri viventi e delle loro condizioni.
Vi state nutrendo di uomini vomitando macerie di volgarità e falso benessere. Io vi chiedo, ma Perché continuate a vivere con il costante bisogno di affermarvi in una competizione infinita? . Perché non vi fermate e curate di più le ricchezze naturali della diversità. Tutto è perduto e l’eredità dei vostri grandi pensatori che hanno tentato di aprirvi gli occhi barattata in cambio di un lavoro pur che arrivi sera.


Tube_II_by_salvaterra
desolazione
                                                                     .
                                                                                                                                                               miksocrate                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      





Disqus for kigheghe



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post in evidenza

Lampi di felicità

Chi non teme che il più banale dei suoi momenti presenti diventi in futuro un paradiso perduto? Nicolás Gómez Dávila Photo by Nick ...

Ciò che trovo è mille volte più bello di ciò che cerco

Welcome


Welcome to my word,my soul,my refuge,in my silence,in my pain,my thought never revealed,hidden my dream,in my deepest needs...

Questo blog non ha scopo di lucro,nato il 25/agosto/2011 in un punto,uno spazio ed un tempo della mia vita non prevista.

Dedicato alla memoria di mio fratello Riccardo Carbognin umile artista che ha curato la grafica ispirato la maggior parte dei racconti.

L'autore è un "filosofo" dei poveri,musicista degli umili,ex fotografo,tanti mestieri,uno dei tanti,operaio di sogni.Kigheghe è un locale immaginario alla fine del mondo frequentato da poeti,musicisti.umili eroi e sognatori folli.

Kigheghe a Parma significa "chi c'è...c'è".

Il blog vanta la collaborazione di amici e artisti solitamente "fuori catalogo"un intero mondo che si rivolge a tutte le schegge africane e non sparse nel pianeta terra come una collana di perle spezzata.

L'Africa, la mia terra natia ormai è persa ma in questo blog rivive magicamente nei miei ricordi...

"Vivevo nel bush uscivo di casa ed avevo il mare tutto per me...ma non lo sapevo".

Michele Fedele. Alias miksocrate



Contattami !

Contattami !
Puoi inviare da qui un email

Post più popolari

Post più letti ultimi 30 giorni

Cerca nel blog

feed

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Powered by Blogger.

Tags

d
acqua action Alabama alien altopiano Amazzonia amore amsterdam angoscia Armi Asia asmara asordante assisi azioni balena banana barbarie basta lavorare BCE blu velvet blues Bruce buddismo caccia Caino california Calvino Canada cantico carbognin cervello cher cielo città civiltà clandestini class comico coraggio corteo Cuba curarsi danno danza denaro diamante dio diploma DOMANDE dream economia economy Eraclito esistenza estévez Ethiopia europa face fame fantasia farfalla feliciano felicità fiamme figlia filosofia finanza finazcapitalismopsicotico follia.credenza fondi pensione fotografia Francesco frontiere futurista futuro genere umano giappone giardino grida grossa guerra Hendrix Hitler homo immaginazione immigrazione.multiculturalismo impero incubi inferno infinito irresponsabile italia laurea leggere leopardo libro linguaggio luce del sole luna mania.anarchia mare massawua meditazione mercato millesimo mimetismo mistero mondo Money Montale morte nascere nato nome oblio occhi occhio oceano odio onde pace palma paradiso parma passato paura perchè perdonare piedi.nudi Pink-floyd potere produzione fabbrica profitto psicoanalisi radice razza razzismo realtà religione Renault4 ricordo ridere riesco rinascimento risata ritorno rivoluzione rock rumore sapere scienza scimmia secondo seychelles silenzio socrate software sogno sole sonno sonoro spazio spirito spray stelle storie stupidità SUD tasse TEMPO terra terremoto Toronto tre note autunno parmigiano Truffaut tutto è regalato università uomo vento virtuale vita vivere volume wasser