i miei amori
Photo by Laura Zalenga

              Son tornati

            sopraggiunti da tutti i sentieri della terra 
            a piangere nel mio letto. 
            Furono tanti, sono tanti! 
            Non so più quanti vivano, ignoro chi sia    morto 
            piangerò tutti quanti nel piangere me stessa 
            La notte beve il pianto come uno straccio nero. 
            Ci sono teste asciutte, indorate dal sole 
            ci sono quelle cinte da una spina invisibile 
            teste come arrossate dalla rosa del sogno 
            teste come cuscini per imbottire abissi 
            bramando sulla terra il riposo dei cieli, 
            c’è quella che sovrasta la fine dell’inverno, 
            e quella che non riesce a fiutare l’esordio 
            Mi dolgono quei morti, quasi fossero morti… 
            Ah!… e gli occhi… gli occhi fanno male,raddoppiano lo spasmo! 

            Indefiniti, verdi, grigiastri, azzurri, neri, 
            infiammano e risplendono. 
            Son carezze, dolore, costellazione, inferno 
            che al di là di ogni luce, oltre tutte le fiamme 
            m’illuminava l’anima e temprava il mio corpo. 
            Mi donarono sete di tutte quelle bocche… 
            di tutte quelle bocche seminate nel letto: 
            vasi rossi o pallidi di miele e di amarezza 
            petali di armonia e rose di silenzio, 
            in tutti questi vasi ho bevuto la vita 
            in tutti questi vasi ho assaggiato la morte 
            Il giardino di bocche velenoso, ubriacante, 
            in cui bevevo a un tempo quelle anime e i corpi. 
            Inumidito in lacrime 
            circondai il mio letto… 
            E le mani, quelle mani ricolme 
            di segreti destini e anelli di mistero… 
            ci sono mani nate con guanti di carezza; 
            ci sono mani colme del fiore della brama 
            mani in cui risiede un pugnale mai visto, 
            mani in cui sussulta l’intangibile scettro; 
            abbrunite o biancastre, voluttuose o possenti 
            in loro, in ciascuna di loro, ho incastonato un sogno. 
            […] Ah, tra tutte quelle mani ho cercato le tue! 
            Di tutte quelle teste io voglio la tua testa, 
            di tutti quegli occhi, i tuoi occhi pretendo! 
            Sei tu, la più triste tra i tristi, quello che più ho amato 
            tu, per prima arrivato, venendo da lontano… 
            Ah, quella tua testa cupa mai presa tra le mani 
            e le pupille chiare che osservai senza tempo! 
            Quelle occhiaie affossate dal tocco della sera 
            e quel pallore strano che ampliai senza volerlo. 
            Vieni a me: mente a mente; 
            vieni a me: corpo a corpo! 
            Dimmi insomma che hai fatto di quel primo sospiro, 
            dimmi inoltre che hai fatto del sogno di quel bacio… 
            dimmi poi se piangesti quando me ne andai via… 
            dimmi infine se vivi… o per caso sei morto…! 
            Se così fosse 
            si vestirà di pena lentamente il mio letto 
            e stringerò la tua ombra fino a spegnere il corpo. 
            E quel silenzio fitto trafitto dalla tenebra 
            e quel buio improvviso ferito dal silenzio, 
            ci veglierà piangendo, piangendo da morire 
            quell’unico figlio che mi hai dato: il ricordo.
            
Delmira Agustini (Montevideo, Uruguay- 1886-1914)



dancing in the dark
photo by Laura Zalenga


miksocrate



mf

Disqus for kigheghe



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post in evidenza

Lampi di felicità

Chi non teme che il più banale dei suoi momenti presenti diventi in futuro un paradiso perduto? Nicolás Gómez Dávila Photo by Nick ...

Ciò che trovo è mille volte più bello di ciò che cerco

Welcome


Welcome to my word,my soul,my refuge,in my silence,in my pain,my thought never revealed,hidden my dream,in my deepest needs...

Questo blog non ha scopo di lucro,nato il 25/agosto/2011 in un punto,uno spazio ed un tempo della mia vita non prevista.

Dedicato alla memoria di mio fratello Riccardo Carbognin umile artista che ha curato la grafica ispirato la maggior parte dei racconti.

L'autore è un "filosofo" dei poveri,musicista degli umili,ex fotografo,tanti mestieri,uno dei tanti,operaio di sogni.Kigheghe è un locale immaginario alla fine del mondo frequentato da poeti,musicisti.umili eroi e sognatori folli.

Kigheghe a Parma significa "chi c'è...c'è".

Il blog vanta la collaborazione di amici e artisti solitamente "fuori catalogo"un intero mondo che si rivolge a tutte le schegge africane e non sparse nel pianeta terra come una collana di perle spezzata.

L'Africa, la mia terra natia ormai è persa ma in questo blog rivive magicamente nei miei ricordi...

"Vivevo nel bush uscivo di casa ed avevo il mare tutto per me...ma non lo sapevo".

Michele Fedele. Alias miksocrate



Contattami !

Contattami !
Puoi inviare da qui un email

Post più popolari

Post più letti ultimi 30 giorni

Cerca nel blog

feed

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Powered by Blogger.

Tags

d
acqua action Alabama alien altopiano Amazzonia amore amsterdam angoscia Armi Asia asmara asordante assisi azioni balena banana barbarie basta lavorare BCE blu velvet blues Bruce buddismo caccia Caino california Calvino Canada cantico carbognin cervello cher cielo città civiltà clandestini class comico coraggio corteo Cuba curarsi danno danza denaro diamante dio diploma DOMANDE dream economia economy Eraclito esistenza estévez Ethiopia europa face fame fantasia farfalla feliciano felicità fiamme figlia filosofia finanza finazcapitalismopsicotico follia.credenza fondi pensione fotografia Francesco frontiere futurista futuro genere umano giappone giardino grida grossa guerra Hendrix Hitler homo immaginazione immigrazione.multiculturalismo impero incubi inferno infinito irresponsabile italia laurea leggere leopardo libro linguaggio luce del sole luna mania.anarchia mare massawua meditazione mercato millesimo mimetismo mistero mondo Money Montale morte nascere nato nome oblio occhi occhio oceano odio onde pace palma paradiso parma passato paura perchè perdonare piedi.nudi Pink-floyd potere produzione fabbrica profitto psicoanalisi radice razza razzismo realtà religione Renault4 ricordo ridere riesco rinascimento risata ritorno rivoluzione rock rumore sapere scienza scimmia secondo seychelles silenzio socrate software sogno sole sonno sonoro spazio spirito spray stelle storie stupidità SUD tasse TEMPO terra terremoto Toronto tre note autunno parmigiano Truffaut tutto è regalato università uomo vento virtuale vita vivere volume wasser