Ti ricordo. Fratello Dolcissimo ridere come un matto






Ho visto z è ho penato a te.
Ti ricordo. Fratello Dolcissimo ridere come un matto quando, dopo aver scoperto che il tuo nome in aramaico significa missile, ti chiamavo “ Titti the Till Rocket”
L'ultima volta che ci siamo sentiti, con un filo di voce mi hai chiesto scusa Ti restava solo un’ora eppure ti scusavi perché non eri in grado di parlarmi. Quante volte l'avrai fatto? Quante volte ti sarai scusato per cose delle quali non ti dovevi scusare? Tu ti scusavi sempre eri fatto così. Disponibile, dolce, sensibile, gentile, premuroso. Io ero il piccolo, di poco. 57 anni contro 55. Eppure chi si prendeva cura dell'altro sei sempre stato tu, fin da bambino da quando abbiamo condiviso la nostra vita, un disco una camera un panino . Sei tu che mi consolavi nei miei momenti di sconforto, sei tu che mi minacciavi scherzosamente con la pistola se non avessi smesso di piangere….Ehhh mamma africa ci stava a guardare…
Nelle ultime settimane ti ho sempre telefonato, eri tornato a casa. In paradiso Ti scusavi sempre se eri stanco e volevi riposare o se non te la sentivi di parlare con il male che ti divorava Inshallah o scherzare, ti preoccupavi di farmi ridere per non lasciarmi senza una battuta. Una volta mia hai addirittura aiutato a togliermi le spine . Non sarebbero gesti strani se non fosse che tu eri in quel momento con la vita che se ne stava andando e io ero quello piccolo, scombussolato (magari deficiente ) che veniva a farti un po' di compagnia. Quante risate con l’anima… Credo di non avere mai conosciuto una persona così matura, bambina. Intelligente e che sapesse realmente cosa conta nella vita. Sei una rarità, lo sapevi? Nostra sorella mi ha scritto e ripetuto a voce che eri troppo buono per questo mondo, credo proprio che abbia ragione. Forse questo mondo non meritava una persona come te. Questo mondo ha perso tanto con la tua morte ma non lo sa, non se ne è accorto e non credo se ne accorgerà neanche in futuro….
Sai, non immaginavo che sarei stato così male per la tua morte. In fondo era una cosa a cui ero preparato, o almeno così credevo. Di notte facevo le prove….Invece ho scoperto che a questo non si è mai preparati, non così tanto da non soffrire. Ti volevo un mondo di bene ma non pensavo che andandotene mi avresti fatto così male. Mi hai fatto proprio un brutto scherzo, lasciandomi così lo sai? Non… ridere…
Ci sono tante altre cose che vorrei scriverti, tanti piccoli episodi che vorrei ricordarti, anche per far sapere a tutti quanti che persona fossi. Starei qui delle ore, perché se è vero che non abbiamo passato tanto tempo insieme per via della distanza è anche vero che tutti i momenti che abbiamo condiviso, sono stati momenti importanti delle nostre strane vite. Il modo e il posto in cui ci siamo conosciuti e quello che abbiamo vissuto insieme ci hanno legati in maniera indissolubile. Dovevamo andare a pescare insieme come due vecchi rimbambiti…e la sera invitare tutti gli amici a ridere attorno ad un tavolo a piedi nudi…e parlare…ridere …e ridere…
In tutto questo, mi consola la certezza di saperti in un posto migliore. Un posto sereno, dove non esistono sofferenza e tristezza, cattiveria e amarezza. Dopo tanta sofferenza, ti sei meritato un posto così, dal quale veglierai su tutti noi.
Sono sicuro che un giorno ci rivedremo e potremo scherzare . .......................


miksocrate






mf

Disqus for kigheghe



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post in evidenza

Lampi di felicità

Chi non teme che il più banale dei suoi momenti presenti diventi in futuro un paradiso perduto? Nicolás Gómez Dávila Photo by Nick ...

Ciò che trovo è mille volte più bello di ciò che cerco

Welcome


Welcome to my word,my soul,my refuge,in my silence,in my pain,my thought never revealed,hidden my dream,in my deepest needs...

Questo blog non ha scopo di lucro,nato il 25/agosto/2011 in un punto,uno spazio ed un tempo della mia vita non prevista.

Dedicato alla memoria di mio fratello Riccardo Carbognin umile artista che ha curato la grafica ispirato la maggior parte dei racconti.

L'autore è un "filosofo" dei poveri,musicista degli umili,ex fotografo,tanti mestieri,uno dei tanti,operaio di sogni.Kigheghe è un locale immaginario alla fine del mondo frequentato da poeti,musicisti.umili eroi e sognatori folli.

Kigheghe a Parma significa "chi c'è...c'è".

Il blog vanta la collaborazione di amici e artisti solitamente "fuori catalogo"un intero mondo che si rivolge a tutte le schegge africane e non sparse nel pianeta terra come una collana di perle spezzata.

L'Africa, la mia terra natia ormai è persa ma in questo blog rivive magicamente nei miei ricordi...

"Vivevo nel bush uscivo di casa ed avevo il mare tutto per me...ma non lo sapevo".

Michele Fedele. Alias miksocrate



Contattami !

Contattami !
Puoi inviare da qui un email

Post più popolari

Post più letti ultimi 30 giorni

Cerca nel blog

feed

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Powered by Blogger.

Tags

d
acqua action Alabama alien altopiano Amazzonia amore amsterdam angoscia Armi Asia asmara asordante assisi azioni balena banana barbarie basta lavorare BCE blu velvet blues Bruce buddismo caccia Caino california Calvino Canada cantico carbognin cervello cher cielo città civiltà clandestini class comico coraggio corteo Cuba curarsi danno danza denaro diamante dio diploma DOMANDE dream economia economy Eraclito esistenza estévez Ethiopia europa face fame fantasia farfalla feliciano felicità fiamme figlia filosofia finanza finazcapitalismopsicotico follia.credenza fondi pensione fotografia Francesco frontiere futurista futuro genere umano giappone giardino grida grossa guerra Hendrix Hitler homo immaginazione immigrazione.multiculturalismo impero incubi inferno infinito irresponsabile italia laurea leggere leopardo libro linguaggio luce del sole luna mania.anarchia mare massawua meditazione mercato millesimo mimetismo mistero mondo Money Montale morte nascere nato nome oblio occhi occhio oceano odio onde pace palma paradiso parma passato paura perchè perdonare piedi.nudi Pink-floyd potere produzione fabbrica profitto psicoanalisi radice razza razzismo realtà religione Renault4 ricordo ridere riesco rinascimento risata ritorno rivoluzione rock rumore sapere scienza scimmia secondo seychelles silenzio socrate software sogno sole sonno sonoro spazio spirito spray stelle storie stupidità SUD tasse TEMPO terra terremoto Toronto tre note autunno parmigiano Truffaut tutto è regalato università uomo vento virtuale vita vivere volume wasser