• Ogni città riceve la sua forma dal deserto a cui si oppone.
    Calvino 


Auto parcheggiate in parata militare
Dietro le finestre.
Proprietari invisibili senza sogni .
La città dei poveri in sfacelo.

Raccordi misteriosi .
Periferie, cemento armato putrefatto.
                                                           

-"Mick, qui non si va da nessuna parte".
Troppi umani, "Rubano tutti!".
Le luci delle vetrine.
In alto l'oscurità vellutata punteggiata di stelle.
Automobili, solo automobili.

Città galera fatta di non-luoghi
L’ossessivo movimento pneumatico macina la storia.
I richiami tecnologici che ululano squarciano l’aria.


Accordi minori non-musica
Raffiche di grancassa elettronica martellante.
Tum…TUM…TUM...



photo by Goethe58


Fremiti di vite vicino e lontano.
Cori stonati di bottiglie in frantumi.
Sottofondo di musiche martellanti.
Delirio elettronico che sfrega s’insinua traballante dentro i borghi di Parma vecchia.

Felini eremiti che controllano il territorio.
Testi volgari e incomprensibili
Voci campionate.
Saccheggiate alle vecchie star da plagiari di professione.

Strumenti musicali in via di estinzione.
Timidi musicisti furtivi.
Sacchi d’Insonorizzante di contrabbando.
Odore umido acre di motori stanchi misti a urine animali.


Via Farini è in piena attività. 
La fauna in cattività,
Gruppi con un'aureola di estasi alcolica.
Ritrovo della nuova generazione digitale.
Una babele di lingue. Una gioventù dal tatuaggio facile.
Femmine in serie plastificate per uniformarle al delirio erotico.


Photo by Goethe58


Felicità e Rabbia repressa nelle voci da stadio.

Giovani che hanno esaurito la loro scorta d’Incoscienza ballano con i lupi della follia.
Stesse battute stesse scene con attori che cambiano.
Vecchi sotto shock reduci da battaglie santificano il peggior
vino miscelato a novità alcoliche e coloranti velenosi.

Nuovi Barbari Insanguinati e feriti braccati dagli orrori economici.
Eroi ridicoli isolati dalla chimica e dai bianchi auricolari -.

Figli inconsapevoli del dramma storico
Si muovono silenziosi sull’argine del fiume illuminati dai cellulari.
 Africani in cerca di ricchezze
Facili, conciatori di pelle umana viaggiano in gruppi con un'aureola di estasi alcolica.

A uno svincolo tagliando il quarantaquattresimo parallelo si aggira via Farini.

Finalmente la calma cristallina.

Tutto tace.
Borgo San Giuseppe resiste.

photo by Goethe58


Dietro le vetrate opache di un'Osteria senza tempo.
Sublime il suono di una fisarmonica.

Riflessi in un grande specchio gli emarginati dalle nuove tecnologie.
Sono i Vecchi giocatori di una sfida antica.
~Sul tavolo umido una bottiglia di vino senza etichetta.



photo by goethe58





Ormai sono le due di notte.
In un borgo più a nord.
Ogni cosa è bagnata
Il porfido lucido nel silenzio antico. Il riverbero dei passi.
Un vecchio in compagnia della sua ombra- 
La luce candida e irreale di una luna sorniona.
Cammina lento e curvo annegando lentamente il ricordo troppo vivo dell’adolescenza che fu.


mick



mf







Disqus for kigheghe



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post in evidenza

Lampi di felicità

Chi non teme che il più banale dei suoi momenti presenti diventi in futuro un paradiso perduto? Nicolás Gómez Dávila Photo by Nick ...

Ciò che trovo è mille volte più bello di ciò che cerco

Welcome


Welcome to my word,my soul,my refuge,in my silence,in my pain,my thought never revealed,hidden my dream,in my deepest needs...

Questo blog non ha scopo di lucro,nato il 25/agosto/2011 in un punto,uno spazio ed un tempo della mia vita non prevista.

Dedicato alla memoria di mio fratello Riccardo Carbognin umile artista che ha curato la grafica ispirato la maggior parte dei racconti.

L'autore è un "filosofo" dei poveri,musicista degli umili,ex fotografo,tanti mestieri,uno dei tanti,operaio di sogni.Kigheghe è un locale immaginario alla fine del mondo frequentato da poeti,musicisti.umili eroi e sognatori folli.

Kigheghe a Parma significa "chi c'è...c'è".

Il blog vanta la collaborazione di amici e artisti solitamente "fuori catalogo"un intero mondo che si rivolge a tutte le schegge africane e non sparse nel pianeta terra come una collana di perle spezzata.

L'Africa, la mia terra natia ormai è persa ma in questo blog rivive magicamente nei miei ricordi...

"Vivevo nel bush uscivo di casa ed avevo il mare tutto per me...ma non lo sapevo".

Michele Fedele. Alias miksocrate



Contattami !

Contattami !
Puoi inviare da qui un email

Post più popolari

Post più letti ultimi 30 giorni

Cerca nel blog

feed

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Powered by Blogger.

Tags

d
acqua action Alabama alien altopiano Amazzonia amore amsterdam angoscia Armi Asia asmara asordante assisi azioni balena banana barbarie basta lavorare BCE blu velvet blues Bruce buddismo caccia Caino california Calvino Canada cantico carbognin cervello cher cielo città civiltà clandestini class comico coraggio corteo Cuba curarsi danno danza denaro diamante dio diploma DOMANDE dream economia economy Eraclito esistenza estévez Ethiopia europa face fame fantasia farfalla feliciano felicità fiamme figlia filosofia finanza finazcapitalismopsicotico follia.credenza fondi pensione fotografia Francesco frontiere futurista futuro genere umano giappone giardino grida grossa guerra Hendrix Hitler homo immaginazione immigrazione.multiculturalismo impero incubi inferno infinito irresponsabile italia laurea leggere leopardo libro linguaggio luce del sole luna mania.anarchia mare massawua meditazione mercato millesimo mimetismo mistero mondo Money Montale morte nascere nato nome oblio occhi occhio oceano odio onde pace palma paradiso parma passato paura perchè perdonare piedi.nudi Pink-floyd potere produzione fabbrica profitto psicoanalisi radice razza razzismo realtà religione Renault4 ricordo ridere riesco rinascimento risata ritorno rivoluzione rock rumore sapere scienza scimmia secondo seychelles silenzio socrate software sogno sole sonno sonoro spazio spirito spray stelle storie stupidità SUD tasse TEMPO terra terremoto Toronto tre note autunno parmigiano Truffaut tutto è regalato università uomo vento virtuale vita vivere volume wasser