Post in evidenza

Esilio

Immagine
Foto di Eric Lattourgue


Va Piano Mick.
Hai studiato ottimismo per trentatré anni.
Niente da fare.
Dimentica l'egoismo adolescente,basta con quell'orgoglio.
Hai Fatto qualsiasi lavoro, tutti i Movimenti di Uomini Perfetti,
le armoniche Impossibili.

Hai licenziato la notte invernale tanto tempo fa.
I centesimi di rame in fondo al cassetto.
 L'acciaio freddo della produzione Umana, la Foresta di tubi inox affogati Nel mercurio.
Le albe grigie, i raggi di luce.

Le donne curiose delle antiche follie, i sensi invecchiati.
Stand-by universo,
prima che il puro rumore dei rapper mi tolga la memoria.


Oh nera madre diamante d'amore!
Chiedo Perdono ai di miei sogni calpestati.
Oh mia madre donna degli Altipiani!


Un esilio di assurda magia, il Movimento di femmine stanche  precipita dentro il vapore industriale, immaginando il silenzio. Oceano indifferente, tempestoso e atrocemente liquido.

Per Angelina stella del mattino.
Una nota di musica che mette da parte le equazioni, unico i…

Dalle Seychelles alla California





foto in attesa di conf..
photo by Michele Fedele


Que lejos estoy del suelo donde he nacido!
inmensa nostalgia invade mi pensamiento;
y al ver me tan solo y triste qual hoja al viento,
quisiera llorar, quisiera morir de sentimiento.
Oh tierra del sol!, suspiro por verte
ahora que lejos yo vivo sin luz, sin amor;
y al verme tan solo y triste cual hoja al viento,
quisiera llorar, quisiera morir de sentimiento




Ambiente.Seychelles,caldo ,labbra salate costume pochi spiccioli,uno forse due rupie niente documenti. Nel porto le navi suonano,un marinaio tay ubriaco,le navi cavoli se sono grandi,luccica la luna ,non serve .Un attimo ,uno sguardo li.,li  li Luci al largo sei navi con il loro muggito spaventoso che riempie l’aria ,io sono solo un ragazzo ,ai piedi infradito, non so ancora di dover affrontare un futuro così pesante e sono felice ,sono nel ponte vado in fretta insieme a Riccardo, dai che dobbiamo festeggiare sbrigati, ci buttiamo? Ci buttiamo siamo già in acqua nel mare e tutto intorno scoppiano i fuochi d’artificio  una razza festosa fa capolino sotto la sabbia ,i ricci,i ricci ,Michele...ma chi se ne frega..Solo un piccolissimo istante di felicità postuma...La felicità è sempre postuma .Buon Anno Ragazzi...



                                                                                                                                Miksocrate









Non è più dunque agli uomini che mi rivolgo; ma a te, Dio di tutti gli esseri, di tutti i mondi, di tutti i tempi: 

se è lecito che delle deboli creature, perse nell'immensità e impercettibili al resto dell'universo, osino domandare qualche cosa a te, che tutto hai donato, 

a te, i cui decreti sono e immutabili e eterni, degnati di guardare con misericordia gli errori che derivano dalla nostra natura. 

Fa' sì che questi errori non generino la nostra sventura. 

Tu non ci hai donato un cuore per odiarci l'un l'altro, né delle mani per sgozzarci a vicenda;

fa' che noi ci aiutiamo vicendevolmente a sopportare il fardello di una vita penosa e passeggera.Fa' sì che le piccole differenze tra i vestiti che coprono i nostri deboli corpi, 

tra tutte le nostre lingue inadeguate, tra tutte le nostre usanze ridicole, 

tra tutte le nostre leggi imperfette, tra tutte le nostre opinioni insensate, 

tra tutte le nostre convinzioni così diseguali ai nostri occhi e così uguali davanti a te, 

insomma che tutte queste piccole sfumature che distinguono gli atomi chiamati "uomini" non siano altrettanti segnali di odio e di persecuzione. 

Fa' in modo che coloro che accendono ceri in pieno giorno per celebrarti sopportino coloro che si accontentano della luce del tuo sole; 

che coloro che coprono i loro abiti di una tela bianca per dire che bisogna amarti, non detestino coloro che dicono la stessa cosa sotto un mantello di lana nera; 

che sia uguale adorarti in un gergo nato da una lingua morta o in uno più nuovo. 
Fa' che coloro il cui abito è tinto in rosso o in violetto, che dominano su una piccola parte di un piccolo mucchio di fango di questo mondo, 
e che posseggono qualche frammento arrotondato di un certo metallo, gioiscano senza inorgoglirsi di ciò che essi chiamano "grandezza" e "ricchezza", 
e che gli altri li guardino senza invidia: perché tu sai che in queste cose vane non c'è nulla da invidiare, niente di cui inorgoglirsi. 
Possano tutti gli uomini ricordarsi che sono fratelli! 
Abbiano in orrore la tirannia esercitata sulle anime, 
come odiano il brigantaggio che strappa con la forza il frutto del lavoro e dell'attività pacifica! 
Se sono inevitabili i flagelli della guerra, non odiamoci, non laceriamoci gli uni con gli altri nei periodi di pace, 
ed impieghiamo il breve istante della nostra esistenza per benedire insieme in mille lingue diverse, 
dal Siam alla California, la tua bontà che ci ha donato questo istante.




Voltaire








mf

Top Ten

I silenzi che mettono a disagio

Asmara blues

Ti rivedrò lassù

Incontinenza Psichica

Mick, stai allegro

La gentilezza è rivoluzionaria

My little Asmara

IL GRANDE CACCIATORE

Camminare in città a piedi nudi

L’incubo del babbuino