I miei amori perduti





i miei amori
Photo by Laura Zalenga

              Son tornati

            sopraggiunti da tutti i sentieri della terra 
            a piangere nel mio letto. 
            Furono tanti, sono tanti! 
            Non so più quanti vivano, ignoro chi sia    morto 
            piangerò tutti quanti nel piangere me stessa 
            La notte beve il pianto come uno straccio nero. 
            Ci sono teste asciutte, indorate dal sole 
            ci sono quelle cinte da una spina invisibile 
            teste come arrossate dalla rosa del sogno 
            teste come cuscini per imbottire abissi 
            bramando sulla terra il riposo dei cieli, 
            c’è quella che sovrasta la fine dell’inverno, 
            e quella che non riesce a fiutare l’esordio 
            Mi dolgono quei morti, quasi fossero morti… 
            Ah!… e gli occhi… gli occhi fanno male,raddoppiano lo spasmo! 

            Indefiniti, verdi, grigiastri, azzurri, neri, 
            infiammano e risplendono. 
            Son carezze, dolore, costellazione, inferno 
            che al di là di ogni luce, oltre tutte le fiamme 
            m’illuminava l’anima e temprava il mio corpo. 
            Mi donarono sete di tutte quelle bocche… 
            di tutte quelle bocche seminate nel letto: 
            vasi rossi o pallidi di miele e di amarezza 
            petali di armonia e rose di silenzio, 
            in tutti questi vasi ho bevuto la vita 
            in tutti questi vasi ho assaggiato la morte 
            Il giardino di bocche velenoso, ubriacante, 
            in cui bevevo a un tempo quelle anime e i corpi. 
            Inumidito in lacrime 
            circondai il mio letto… 
            E le mani, quelle mani ricolme 
            di segreti destini e anelli di mistero… 
            ci sono mani nate con guanti di carezza; 
            ci sono mani colme del fiore della brama 
            mani in cui risiede un pugnale mai visto, 
            mani in cui sussulta l’intangibile scettro; 
            abbrunite o biancastre, voluttuose o possenti 
            in loro, in ciascuna di loro, ho incastonato un sogno. 
            […] Ah, tra tutte quelle mani ho cercato le tue! 
            Di tutte quelle teste io voglio la tua testa, 
            di tutti quegli occhi, i tuoi occhi pretendo! 
            Sei tu, la più triste tra i tristi, quello che più ho amato 
            tu, per prima arrivato, venendo da lontano… 
            Ah, quella tua testa cupa mai presa tra le mani 
            e le pupille chiare che osservai senza tempo! 
            Quelle occhiaie affossate dal tocco della sera 
            e quel pallore strano che ampliai senza volerlo. 
            Vieni a me: mente a mente; 
            vieni a me: corpo a corpo! 
            Dimmi insomma che hai fatto di quel primo sospiro, 
            dimmi inoltre che hai fatto del sogno di quel bacio… 
            dimmi poi se piangesti quando me ne andai via… 
            dimmi infine se vivi… o per caso sei morto…! 
            Se così fosse 
            si vestirà di pena lentamente il mio letto 
            e stringerò la tua ombra fino a spegnere il corpo. 
            E quel silenzio fitto trafitto dalla tenebra 
            e quel buio improvviso ferito dal silenzio, 
            ci veglierà piangendo, piangendo da morire 
            quell’unico figlio che mi hai dato: il ricordo.
            
Delmira Agustini (Montevideo, Uruguay- 1886-1914)



dancing in the dark
photo by Laura Zalenga


miksocrate



mf