E tu, qual è il colore dei tuoi occhi,

cosa esprimono,

a che mondo visibile o invisibile si rivolgono?
Vai allo specchio osserva i tuoi talismani fatati,

li avevi mai studiati prima d’ora?

Osservali in fondo al loro abisso,

troverai la voglia di sapere,

quella che spia il movimento del creato,

che degli astri insegue eterno moto

nel suo abisso profondo scorgerai
ogni luogo, ogni viso, ogni singola cosa…



È duro essere l'ago di una bussola impazzita per un uragano o un' 

aurora ...scriveva Paul Nizan in Aden


stolen-scream-noam-galai
Photo by Noam Galai


Asmara     15°20′0″N 38°55′47″E

Parma       44°48′0″N 10°20′0″E




Cosa mi succederà?
Cosa non mi succederà?


Crateri di lava, lapilli che vomitano il sole stupiti davanti al mare. Un giardino fiorito inondato di luce…  Bob Marley con la sua malattia che annaspa su binari di impossibilità e oblio. Ma  quanti siamo noi? Chiede il mago ai giovani illusi.
Mik stanotte ci si spacca il cervello e si bruciano i sogni. Qualcuno sta ancora soffrendo e urla nel corridoio buio e puzzolente di un ospedale sconosciuto.
La mia infanzia sarà pur valsa qualcosa. La morte di amici, a me un diploma e a voi le guerre che non finiscono mai.
Ho chiesto umilmente il permesso di vivere durante incursioni notturne tra bombe e fiamme, ululati di sirene, latrati di cani. In sottoscala angusti, l’odore di urina fetida. Bimbo con gli occhi sbarrati dal terrore.



photo by Jòn Pàlma

Ho vissuto,in un ingenuo e quasi giocoso distacco dalle cose.
Valori morali inculcati, la storia stuprata. Senza punti di riferimento e le identità confuse.

Nessuno sa o vuole capire nemmeno cosa offende l’altro. I parenti di mia madre, accumunati dai loro  numerosi fantasmi. 
I sacrifici spaventosi degli antenati.
 La loro profonda e desolata umiliazione e inutilità.

Sono asserviti, avviliti, umiliati, attraversati e devastati da un Potere che non permette vie di fuga. Non possono neanche abbozzare una rivolta; sono destinati a far parte di un gioco cinico altrimenti essere soppressi o usati dal Potere.

I parenti di mio padre, che continuano ad essere unitamente affascinati e commossi delle loro opere o monumenti in rovina.

La loro storia cerca delle rivalse che deformano la realtà. Si sentono continuamente anime in fuga defraudate. la gioventù cresciuta spensierata con la malcelata idea malsana della loro superiorità.

 Il compiacimento cinico a volte ingenuo che le cose, senza di loro sono andate alla malora; successiva prova di un’inferiorità. 
La incapacità endemica degli ex-coloni e la felice conferma di certe teorie lombrosiane.

Nessuna palingenesi sembra più essere possibile, nessuna possibilità, tutto è assorbito in un inferno spirituale e politico. 
Attraverso i corpi ridotti a merci spregevoli, passa il peggiore Potere. 
Nessuna differenzia tra vittime e collaborazionisti. In entrambi gli aspetti la medesima negazione della vita.
Sono qui insieme ad antifurti orientali che ti spaccano le orecchie.
 Il naso intasato da aria avvelenata mentre. Le mie due vecchie città gemelle diverse, agonizzano assomigliando sempre  più a salumerie che spacciano nomi di morti…




Massawa bombardata 75 foto di Michele Fedele

Il terrore di essere simile a voi  mi fa paura, tutto quello che mi sta intorno vi appartiene.
  Inutilmente continuo a volteggiare come un pipistrello impazzito e non penso ad altro che a fuggire.
 Un urlo soffocato mi sale dal ventre… io …io non mi condannerò all’inferno di me stesso.

Eh… aspettando un futuro impossibile,vedo rifrazioni che come un blackout globale si fanno spazio nel mio cervello. Si allargano silenziose a velocità spaventosa,  travolgendo il mio pianeta, le vostre auto,i treni ,gli aerei,le vostre piccole meschinità e il brusio di voci fastidiose .
Silenzio vi prego solo cinque minuti. Solo cinque minuti, per i miei morti, per queste mie due città stanche. 
Solitudini queste che rimarranno fino all’oblio.




Miksocrate.

mf

Disqus for kigheghe



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post in evidenza

Lampi di felicità

Chi non teme che il più banale dei suoi momenti presenti diventi in futuro un paradiso perduto? Nicolás Gómez Dávila Photo by Nick ...

Ciò che trovo è mille volte più bello di ciò che cerco

Welcome


Welcome to my word,my soul,my refuge,in my silence,in my pain,my thought never revealed,hidden my dream,in my deepest needs...

Questo blog non ha scopo di lucro,nato il 25/agosto/2011 in un punto,uno spazio ed un tempo della mia vita non prevista.

Dedicato alla memoria di mio fratello Riccardo Carbognin umile artista che ha curato la grafica ispirato la maggior parte dei racconti.

L'autore è un "filosofo" dei poveri,musicista degli umili,ex fotografo,tanti mestieri,uno dei tanti,operaio di sogni.Kigheghe è un locale immaginario alla fine del mondo frequentato da poeti,musicisti.umili eroi e sognatori folli.

Kigheghe a Parma significa "chi c'è...c'è".

Il blog vanta la collaborazione di amici e artisti solitamente "fuori catalogo"un intero mondo che si rivolge a tutte le schegge africane e non sparse nel pianeta terra come una collana di perle spezzata.

L'Africa, la mia terra natia ormai è persa ma in questo blog rivive magicamente nei miei ricordi...

"Vivevo nel bush uscivo di casa ed avevo il mare tutto per me...ma non lo sapevo".

Michele Fedele. Alias miksocrate



Contattami !

Contattami !
Puoi inviare da qui un email

Post più popolari

Post più letti ultimi 30 giorni

Cerca nel blog

feed

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Powered by Blogger.

Tags

d
acqua action Alabama alien altopiano Amazzonia amore amsterdam angoscia Armi Asia asmara asordante assisi azioni balena banana barbarie basta lavorare BCE blu velvet blues Bruce buddismo caccia Caino california Calvino Canada cantico carbognin cervello cher cielo città civiltà clandestini class comico coraggio corteo Cuba curarsi danno danza denaro diamante dio diploma DOMANDE dream economia economy Eraclito esistenza estévez Ethiopia europa face fame fantasia farfalla feliciano felicità fiamme figlia filosofia finanza finazcapitalismopsicotico follia.credenza fondi pensione fotografia Francesco frontiere futurista futuro genere umano giappone giardino grida grossa guerra Hendrix Hitler homo immaginazione immigrazione.multiculturalismo impero incubi inferno infinito irresponsabile italia laurea leggere leopardo libro linguaggio luce del sole luna mania.anarchia mare massawua meditazione mercato millesimo mimetismo mistero mondo Money Montale morte nascere nato nome oblio occhi occhio oceano odio onde pace palma paradiso parma passato paura perchè perdonare piedi.nudi Pink-floyd potere produzione fabbrica profitto psicoanalisi radice razza razzismo realtà religione Renault4 ricordo ridere riesco rinascimento risata ritorno rivoluzione rock rumore sapere scienza scimmia secondo seychelles silenzio socrate software sogno sole sonno sonoro spazio spirito spray stelle storie stupidità SUD tasse TEMPO terra terremoto Toronto tre note autunno parmigiano Truffaut tutto è regalato università uomo vento virtuale vita vivere volume wasser