Chazuta,San Martin Perù
6° 34’ 19” S
76° 07’ 50” O


RÊVER
Je vous souhaite des rêves à n'en plus finir
et l'envie furieuse d'en réaliser quelques uns.
Je vous souhaite d'aimer ce qu'il faut aimer
et d'oublier ce qu'il faut oublier.
Je vous souhaite des silences.
Je vous souhaite des chants d'oiseaux au réveil
et des rires d'enfants.
Je vous souhaite de résister à l'enlisement,
à l'indifférence, aux vertus négatives de notre époque.
Je vous souhaite surtout d'être vous.
Jacques Brel

amazo9

 Rumori della montagna

pubblicata da Steven Busignani

Nonostante l’ingrandirsi di nuvole dense e bianche come il latte e numerosi tuoni, il sole era tornato di nuovo al villaggio.



Sound night in Amazzonia video by S.Busignani

Le ventisei famiglie erano riunite in una grande capanna rotonda dal tetto di palma, doveva essere
qualcosa di importante visto che partecipavano alla riunione anche le donne.
Avevano deciso quell’incontro all’improvviso per alcuni fatti che interessavano la foresta.
-Già di ritorno?
Chiese vedendo arrivare Leo.
-Si, non sai che chiasso!
-Che succede?

amazon2

-Hanno deciso di cambiare capo villaggio. Roldan è troppo giovane per assumersi la responsabilità. 
L’anziano dei Chucandama ha deciso da solo di assumersi l’onere.
-Immaginavo qualcosa del genere visto che i Chucandama sono il clan più potente. Roldan
è un bravo uomo, ma anche secondo me è troppo giovane per quell’incarico.
-Io… lo stesso me ne sono andata, non sopporto quegli arroganti. Avevo voglia di parlare, ma ho avuto paura.




-Paura? E di che?
-Se avessi parlato, avrei detto cose con rabbia, offendendo di sicuro l’anziano, per cui mi sarei
pentita cosi me ne sono andata prima. Ma non ci voglio più pensare.
-Sto andando al torrente, ti accompagno.
I bambini pescavano imitando i grandi. Era la stagione secca, l’acqua bassa permetteva di avvicinarsi 
alle rocce facilitando cosi la cattura del Carachama una specie di pesce gatto che vive nascosto sotto
le pietre cibandosi sul fondale.
Il sole alto illuminava le chiome degli alberi e radi raggi di luce raggiungevano l’acqua del torrente 
illuminando il fondale e facendolo brillare come un metallo prezioso, il suono degli insetti si fece 
fortissimo, la riunione era finita, la gente stava tornando alle capanne.
Larry un bambino di otto anni nell’acqua ispezionava con un bastone una pietra poco distante.
-Hai visto come brilla la sabbia li? Brilla come l’oro.
Dissi facendogli notare quei bei riflessi.
- Che cos'è l’oro?
Rispose incuriosito Larry. Non aveva mai sentito quella parola.
Aquilino, un anziano arrivo nei pressi del torrente.
-Come è andato l’incontro? Ci sono novità?
Chiese curioso approfittando del momento

399997_10150459284091664_551881663_8122491_735596871_n

-C'è qualcuno sulla montagna.
Disse, senza sembrare troppo convinto.
-Stanno rubando gli alberi?
Di solito sono i ladri di legname che si avventurano nel bosco senza il permesso del villaggio.
-No, quelli non arrivano lassù. Non ci sono sentieri poi sarebbe troppo faticoso farlo.
Guardammo impressionati verso la montagna che maestosa si alzava protetta dalla foresta.
-E' la casa dell’otorongo (giaguaro), si deve rispettare.
I nativi credono che lo spirito della foresta vive sulla montagna e se malauguratamente decidesse
di scendere ai villaggi porterebbe la morte.
Sembrava impossibile che qualcuno fosse arrivato fin lassù.
Alla riunione si era deciso di formare un gruppo di esploratori per andare a verificare quello che da giorni alcuni 
percepivano come un rumore sordo proveniente dalla montagna, sia stata la voce dello spirito della foresta?
I giovani volontari della spedizione si prepararono bevendo estratti di vegetali, cosi come facevano quando
partivano per la caccia. Le erbe li aiutano a sopportare la fame, la stanchezza e infondono loro vigore e coraggio.
Partirono in fila, ordinati ed in silenzio poco prima dell’alba.
Il torrente arriva dalla montagna, il villaggio è costruito in alto vicino all’acqua.

60214173

L’acqua è vitale per il villaggio, serve per bere, per lavarsi, per pescare.
Al secondo giorno dalla partenza del gruppo dei giovani, una grande quantità di fango scese
dalla montagna trasformando l’acqua del torrente in melma rossa rendendolo inutilizzabile, ma al quinto giorno, dopo faticose
ricerche per trovare acqua potabile, tornò limpido e cristallino come prima. Qualcuno credeva che la storia dell’acqua fosse
dovuta alla montagna che si vendicava per essere stata profanata.
Presto scoprirono come andavano veramente le cose.
Una mattina, al villaggio arrivarono un gruppo di operai, tecnici , un ingegnere tutti indossando un casco protettivo da lavoro giallo di plastica.
Ci stringemmo curiosi attorno agli operai.
-Stiamo facendo prove e rilevamenti. Dobbiamo decidere dove passare con la strada e con i ponti.
Mentre parlava, gli operai con una bomboletta spray segnavano grandi alberi da abbattere che come condannati aspettavano in silenzio la propria sentenza.
Anche il villaggio si sentiva in qualche modo come quegli alberi, costretti a subire una volontà estranea, più forte.
-Una strada?
-Si una strada.
Rispose chiaro un caposquadra, mentre il ritmo della foresta muto d’accento per il passaggio di un elicottero che volava verso la montagna.
-Ci sarà una miniera lassù. Il governo ha già concesso l’autorizzazione.
Disse l’ingegnere segnando con il dito la montagna.
Quando i giovani tornarono al villaggio, la loro vita non sarebbe stata più quella di prima


lopl


Steven Busignani

mf

Disqus for kigheghe



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post in evidenza

Lampi di felicità

Chi non teme che il più banale dei suoi momenti presenti diventi in futuro un paradiso perduto? Nicolás Gómez Dávila Photo by Nick ...

Ciò che trovo è mille volte più bello di ciò che cerco

Welcome


Welcome to my word,my soul,my refuge,in my silence,in my pain,my thought never revealed,hidden my dream,in my deepest needs...

Questo blog non ha scopo di lucro,nato il 25/agosto/2011 in un punto,uno spazio ed un tempo della mia vita non prevista.

Dedicato alla memoria di mio fratello Riccardo Carbognin umile artista che ha curato la grafica ispirato la maggior parte dei racconti.

L'autore è un "filosofo" dei poveri,musicista degli umili,ex fotografo,tanti mestieri,uno dei tanti,operaio di sogni.Kigheghe è un locale immaginario alla fine del mondo frequentato da poeti,musicisti.umili eroi e sognatori folli.

Kigheghe a Parma significa "chi c'è...c'è".

Il blog vanta la collaborazione di amici e artisti solitamente "fuori catalogo"un intero mondo che si rivolge a tutte le schegge africane e non sparse nel pianeta terra come una collana di perle spezzata.

L'Africa, la mia terra natia ormai è persa ma in questo blog rivive magicamente nei miei ricordi...

"Vivevo nel bush uscivo di casa ed avevo il mare tutto per me...ma non lo sapevo".

Michele Fedele. Alias miksocrate



Contattami !

Contattami !
Puoi inviare da qui un email

Post più popolari

Post più letti ultimi 30 giorni

Cerca nel blog

feed

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Powered by Blogger.

Tags

d
acqua action Alabama alien altopiano Amazzonia amore amsterdam angoscia Armi Asia asmara asordante assisi azioni balena banana barbarie basta lavorare BCE blu velvet blues Bruce buddismo caccia Caino california Calvino Canada cantico carbognin cervello cher cielo città civiltà clandestini class comico coraggio corteo Cuba curarsi danno danza denaro diamante dio diploma DOMANDE dream economia economy Eraclito esistenza estévez Ethiopia europa face fame fantasia farfalla feliciano felicità fiamme figlia filosofia finanza finazcapitalismopsicotico follia.credenza fondi pensione fotografia Francesco frontiere futurista futuro genere umano giappone giardino grida grossa guerra Hendrix Hitler homo immaginazione immigrazione.multiculturalismo impero incubi inferno infinito irresponsabile italia laurea leggere leopardo libro linguaggio luce del sole luna mania.anarchia mare massawua meditazione mercato millesimo mimetismo mistero mondo Money Montale morte nascere nato nome oblio occhi occhio oceano odio onde pace palma paradiso parma passato paura perchè perdonare piedi.nudi Pink-floyd potere produzione fabbrica profitto psicoanalisi radice razza razzismo realtà religione Renault4 ricordo ridere riesco rinascimento risata ritorno rivoluzione rock rumore sapere scienza scimmia secondo seychelles silenzio socrate software sogno sole sonno sonoro spazio spirito spray stelle storie stupidità SUD tasse TEMPO terra terremoto Toronto tre note autunno parmigiano Truffaut tutto è regalato università uomo vento virtuale vita vivere volume wasser