"falsa sia ogni verità che non sia stata accompagnata da una risata".
Nietzsche


riderea
photo by Nasfi Akhter


La risata situandosi tra la psiche e il corpo sfugge a qualsiasi qualificazione e rasenta il divino. Non può essere rinchiusa in una definizione, perché essa stessa indefinibile, una cosa viva con innumerevoli gradazioni che possono essere identificate nella reazione dell’umano in più contesti. . Certo non sto parlando del falso ridere o del sogghigno che è una manifestazione di odio, o di quando s’irride gli altri con cattiveria in cui si è vigili e pronti a colpire, oppure della risata stimolata da un atto fisico ma della risata vera quella che non si può camuffare. Qui tento di scrivere della risata che si manifesta nel contesto di allegria e piacere, se poi si riesce a ridere anche di se stessi o della stupidita dell’essere umano secondo me, si raggiunge la celebrazione della vita sgravata dalle sue pesanti teorie sulla maestosità dell’universo e quell’infinito gioco dell’esistenza finalmente ridimensionato con una fragorosa risata.
Non vi è nulla di comico nell’universo se non l’umano. I filosofi purtroppo hanno sottovalutato l’importanza della risata relegandola a qualcosa che l’uomo sa fare dimenticando che è lo stesso uomo che fa ridere, basta semplicemente guardare il mondo dell’umano da una diversa prospettiva e tutto ci sembrerà ridicolo, immaginate per un attimo una discoteca piena di ragazzi che si agitano immersi in un rumore, assordane mettevi ora delle cuffie che v’isolino completamente dall’ambiente circostante, incredibile tutto vi apparirà sotto una luce ridicola e assurda. Quante azioni umane resisterebbero a una simile prova?
Che la risata fosse un toccasana contro qualsiasi avversità è noto ormai da secoli ma che potesse anche curare o addirittura essere un potente farmaco naturale mi era sconosciuto. Sbirciando nella rete ho appreso che : Negli anni ottanta il caso di Norman Cousin che improvvisamente venne colpito da spondilite anchilosante, una grave alterazione delle articolazioni che porta progressivamente alla paralisi e alla morte. Il giornalista decise di curarsi seguendo un'insolita terapia: il ridere (tre - quattro ore al giorno di film comici) e la vitamina C (25 g al dì, assunti per flebo). A dispetto di ogni previsione, in capo a un anno, guarì completamente fu in seguito il precursore della moderna gelotologia





Durante la risata a livello fisiologico entrano in azione più di sessanta muscoli la respirazione si modifica si usa il diaframma pochi uomini lo usano si usa anche quando si sbadiglia (interessante gli animali sbadigliano spesso) ma soprattutto il nostro cervello perde il controllo della situazione, i pensieri negativi scompaiono, la mente si distende, la vita sembra migliore. Come il sonno, il ridere migliora la capacità del cervello di pensare lucidamente, scioglie la paura, esorcizza i cattivi pensieri. 
Il ridere può essere considerato un atto filosofico, una disposizione di ogni persona di produrre risposte determinate dall’ambiente verso la vita e la morte. Crea una coscienza che: Ingenera il sospetto che sotto le apparenze, il mondo sia diverso, suggerisce in sintesi altri valori esistenziali. Quando poi si ride profondamente, si entra quasi in uno stato di meditazione trascendentale. I pensieri si arrestano perché è impossibile ridere e pensare nello stesso momento, se si sta pensando mentre si ride, la risata risulterà falsa e di conseguenza camuffata. Per mia esperienza diretta posso dire che:la danza è la risata di cuore possono a volte essere la soglia per entrare in comunicazione con l’ignoto arrivando quasi vicino a quel confine che se attraversato ci si fonde con la parte sconosciuta dell’esistenza. Quando il pensiero scompare per noi umani, esistono due scelte o il sonno e su questo non vi è nulla di nuovo, tutti sanno cosa significa dormire, oppure un mondo fantastico dove esistono, tutti i benefici del sonno e in più la consapevolezza di essere svegli.Quello è il momento in cui ci si rapporta a livello esistenziale  con la nostra vita ,quasi un collegamento con il sogno. Questa mia ultima affermazione mette in conflitto la compattezza e la durezza del pensiero filosofico, così come la "posa" del filosofo: che ne è, infatti, della filosofia quando, colmata la misura, essa arriva a ridere di se stessa? con Nietzsche, che dice : "falsa sia ogni verità che non sia stata accompagnata da una risata". Perché non prendere allora sul serio la provocazione di Georges Bataille, per cui appunto il "ridere è pensare"? Perché dunque non rileggere come millenaria "storia comica" la vicenda dell’intera filosofia? Oppure semplicemente non riconoscere che
“ il riso”, questo "intruso sconveniente" nei puliti palazzi della ragione deve ridere anche di se stesso. Una scappatoia tuttavia la offre Bergson che mette in risalto con il riso l’infrazione delle norme condivise. Ci offre la possibilità di creare una coscienza diversa di se stessi nel rapporto tra la vita e la morte ci suggerisce altri valori esistenziali e Incunea quel sospetto che sotto tutte le certezze, tutte le tragedie, il mondo forse è diverso. Io in quanto libero ed eretico pensatore non disdegno di affermare che vi è anche una dimensione divina nella risata che ha più a che fare con la psiche collocandosi in una dimensione simile a quella onirica: "la logica del sogno", non di un sogno ' "abbandonato al capriccio della fantasia individuale", ma un sogno "sognato dall' intera società ". È qualcosa che deve circolare nel tuo sangue, diventare le tue ossa e il tuo stesso midollo, riportare in vita quel legame atavico di un’antica felicità che molte vote scordiamo di possedere.


                                  
                                          


Noi umani abbiamo questo fantastico dono, nonostante la nostra vita si sia ridotta a un caos di tragedie per lo più riconducibili alle nostre azioni, siamo dotati di una meravigliosa valvola di sfogo che se ne frega di quella parte di noi nobile e saggia. Senza motivazioni razionali, la risata liberatoria spesso prende il sopravvento e scioglie i gangli della vita che troppo spesso noi reprimiamo per via di un’educazione morale castigatrice, riportandoci se pur per un attimo alla beatitudine dell’esistenza.
. Quando un bambino nasce la prima attività sociale che manifesta oltre al piangere per attirare l’attenzione e ridere, le due cose anche se sembrerà assurdo sono collegate. Il ridere di un bimbo è un messaggio intimo verso la madre per rassicurarla che è vivo e sta bene, la risata appare così come una verità cristallina perché sgorga dal cuore direttamente dal nostro centro il nostro vero autentico essere.
Una risata mette in risalto l’infrazione alle norme condivise, l’inganno dell’intelletto da parte della fantasia e quasi un atto di ribellione pacifico e rivela un grande desiderio innato di vita e libertà. La capacità di ridere davanti all’oppressore o alla morte indica che si è finalmente pronti a evadere dalle prigioni del nostro mondo. Il riso è quasi come un nobile gesto che per strappare la vita dalla sua negazione implica una momentanea sospensione della vita stessa, un limbo, un risparmio dell’energia psichica. Voltaire sosteneva che “l’uomo è l’unico animale che ride”(forse smentito da nuove ricerche) mentre per Kant il riso è la panacea scatenata dalla scoperta di un’incongruità di una realtà che ci appare come totalmente differente dalla nostra attesa ma, preziosa e difficile da evocare. La risata e l’essenza, la serietà appartiene all’ego, ed è parte della malattia, se si perde la nostra serietà, non si perde nulla ma se si perde la risata, si perde la vita.
P.S. solo una bozza work in progress.

Quando tu ridi o danzi tu cambi e quanto tu cambi il mondo cambia intorno a te
Madan Kataria www.kigheghe.com






>
Miksocrate






mf

Disqus for kigheghe



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post in evidenza

Lampi di felicità

Chi non teme che il più banale dei suoi momenti presenti diventi in futuro un paradiso perduto? Nicolás Gómez Dávila Photo by Nick ...

Ciò che trovo è mille volte più bello di ciò che cerco

Welcome


Welcome to my word,my soul,my refuge,in my silence,in my pain,my thought never revealed,hidden my dream,in my deepest needs...

Questo blog non ha scopo di lucro,nato il 25/agosto/2011 in un punto,uno spazio ed un tempo della mia vita non prevista.

Dedicato alla memoria di mio fratello Riccardo Carbognin umile artista che ha curato la grafica ispirato la maggior parte dei racconti.

L'autore è un "filosofo" dei poveri,musicista degli umili,ex fotografo,tanti mestieri,uno dei tanti,operaio di sogni.Kigheghe è un locale immaginario alla fine del mondo frequentato da poeti,musicisti.umili eroi e sognatori folli.

Kigheghe a Parma significa "chi c'è...c'è".

Il blog vanta la collaborazione di amici e artisti solitamente "fuori catalogo"un intero mondo che si rivolge a tutte le schegge africane e non sparse nel pianeta terra come una collana di perle spezzata.

L'Africa, la mia terra natia ormai è persa ma in questo blog rivive magicamente nei miei ricordi...

"Vivevo nel bush uscivo di casa ed avevo il mare tutto per me...ma non lo sapevo".

Michele Fedele. Alias miksocrate



Contattami !

Contattami !
Puoi inviare da qui un email

Post più popolari

Post più letti ultimi 30 giorni

Cerca nel blog

feed

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Powered by Blogger.

Tags

d
acqua action Alabama alien altopiano Amazzonia amore amsterdam angoscia Armi Asia asmara asordante assisi azioni balena banana barbarie basta lavorare BCE blu velvet blues Bruce buddismo caccia Caino california Calvino Canada cantico carbognin cervello cher cielo città civiltà clandestini class comico coraggio corteo Cuba curarsi danno danza denaro diamante dio diploma DOMANDE dream economia economy Eraclito esistenza estévez Ethiopia europa face fame fantasia farfalla feliciano felicità fiamme figlia filosofia finanza finazcapitalismopsicotico follia.credenza fondi pensione fotografia Francesco frontiere futurista futuro genere umano giappone giardino grida grossa guerra Hendrix Hitler homo immaginazione immigrazione.multiculturalismo impero incubi inferno infinito irresponsabile italia laurea leggere leopardo libro linguaggio luce del sole luna mania.anarchia mare massawua meditazione mercato millesimo mimetismo mistero mondo Money Montale morte nascere nato nome oblio occhi occhio oceano odio onde pace palma paradiso parma passato paura perchè perdonare piedi.nudi Pink-floyd potere produzione fabbrica profitto psicoanalisi radice razza razzismo realtà religione Renault4 ricordo ridere riesco rinascimento risata ritorno rivoluzione rock rumore sapere scienza scimmia secondo seychelles silenzio socrate software sogno sole sonno sonoro spazio spirito spray stelle storie stupidità SUD tasse TEMPO terra terremoto Toronto tre note autunno parmigiano Truffaut tutto è regalato università uomo vento virtuale vita vivere volume wasser