Toronto (Ontario, Canada) ............................ 43 39 N   079 23 W


Toronto photo by Paul Dex


Si nasce sempre sotto il segno sbagliato e stare al mondo in modo dignitoso vuol dire correggere giorno per giorno il proprio oroscopo."
Umberto Eco, Il pendolo di Foucault




M.F.:E se il Canada fosse la soluzione? D'estate,quando le temperature si fanno insopportabili e solo a pensare si suda Io ,Manu e la mia amica Enrica,ci si guarda e parte la parola magica "Canada" basta! quante volte ci abbiamo pensato , andiamo a fare gli extra continentali  , e chiedere asilo politico? sempre scherzando ,ma poi vedi che i giovani ti prendono sul serio e cominciano  a pensarci a chiederti ma c’è lavoro in Canada? E come si sta? ecc.. e allora mi è toccato per non far brutta figura informarmi.Ma non sulla rete, da fonti anonime, bensì direttamente da amici che ci sono andati per lavoro o per caso ,e idea, perché non fare un post con le risposte direttamente? Ma si dai...

· Ciao Yonas  presto farò un post sul Canada mandami qualche news sulle condizioni di vita che mi interessa molto come state vivendo questo momento ?
19 ore fa
·

Y.G. :Ciao Michele, il Canada é un diamante dalle mille sfaccettature. C'é la vita rurale, quella urbana, il dinamismo dell'est, l'attivismo dell'ovest, il romantico isolamento del nord tutti spiccatamente differenti; c'é il complicato e delicatissimo rapporto tra le popolazioni fondatrici (gli anglosassoni, i francesi, e le meravigliose prime nazioni) gli altri immigranti europei (con le più varie religioni/culti/sette che non esistono più in Europa) e le loro successive generazioni; ci sono gli immigranti "visibili" come gli afro-americani (schiavi fuggiti); i cinesi che sono venuti a costruire le linee ferroviarie nel "800; c'é il rapporto tra protestanti (inglesi) e cattolici (irlandesi ) con antichi rancori; il rapporto tra inglesi e scozzesi con altrettanto antiche faide; c'é il rapporto strano con gli Stati Uniti (noi 35+ milioni loro 300+ milioni, noi con troppa acqua, loro con pochissima) ed uno ancora più strano con l'Inghilterra (siamo sudditi della regina Elisabetta ) e Francia. Tutti sorretti da un'impalcatura legale civilissima che funziona. Dimmi quali particolari t'incuriosiscono e proverò a darti le mie opinioni. Un caro abbraccio!
17 ore fa ·



·
M.F: mi hai dato già una visione d'insieme abbastanza buona volevo sapere tu Asmarino come ti trovi ,vedo che scrivi noi Canadesi e questo mi riempie di gioia. Mi interessava una città fondata completamente da immigrati recenti .Negli ultimi anni ,ne ho sentito parlare. Vorrei  notizie, come hanno fatto e quali politiche hanno attuato?
14 ore fa ·

Y.G.:L'immigrazione in Canada fino al '60 era quasi esclusivamente europea! Fu l'erudito e visionario Primo Ministro Pierre Elliott Trudeau (criticatissimo da elementi reazionari, amato da quelli progressisti) a cambiare il corso del paese ed aprire le porte al resto del mondo. Esasperato dalla politica separatista del Québec (suo padre era di origine francese e sua madre di origine scozzese, nato a Montreal) cambiò le leggi, spalancando le porte dell'immigrazione guidato da una filosofia politica che qui chiamiamo "multiculturalismo" e creando un modernissimo ministero addetto all' inserimento dei nuovi arrivati e distinguendosi nettamente dal modello statunitense dell'assimilazione (tutti come noi). L' eritreo purtroppo, per molto tempo vedeva l'inserimento, psicologicamente come un tradimento alla patria in tumulto, non partecipando interamente al discorso politico locale. Dopo l'indipendenza, i primi dieci anni, gli eritrei hanno completamente trascurato quella già limitata partecipazione, abbagliati da un possibile rientro. Il mio caso é un po' differente in quanto sia mio padre che mia madre avevano viaggiato molto prima della mia nascita dandomi un'apertura e curiosità dell'altro, e certamente non paura o sensi di colpa!! Mi sono quindi immediatamente sentito comodo qui e la mia vita é stata ragionevolmente produttiva e felice. Per darti un'idea i miei amici all'università con cui sono rimasto affiatato erano: uno del Goa (India portoghese), uno irlandese, uno del Nepal, uno di Barbados, un maltese ed un finlandese. Frequentarli era un intimo giro intorno al mondo, ma andare poi a trovare i loro famigliari nei loro rispettivi paesi d'origine fu un'istruzione indimenticabile. Forse mi ha anche aiutato il fatto che i miei ricordi di Asmara non sono mai stati così idilliaci come quelli di molti che leggo qui, e sempre con me l'amara consapevolezza che questo gioiello di architettura di cui si parla con tanto orgoglio e nostalgia, non era certamente inteso come beneficio alla mia gente, la cui becera condizione non é cambiata sotto ogni maledetta occupazione. Ma questo é un altro discorso. Hai scritto di una città fondata interamente da immigranti recenti; non sono sicuro a quale ti riferisci...quella ritenuta più multiculturale é sicuramente Toronto, dove abito. Tutte le città moderne canadesi sono state costruite maggiormente da immigranti più o meno recenti...
12 ore fa

M.F.:Ciao Paul ,la bestia di Toronto hai smesso di lamentarti?
10 ore fa

M.R..:Caro Mik qui fa un freddo cane ma è un freddo secco si sopporta meglio che in Italia.
I canadesi cioè gli indigeni sono gli indiani , qua siamo tutti immigrati, quindi gli stili di vita sono diversi, se hai voglia di mischiarti è il massimo ,ma sei libero anche di rinchiuderti nelle braccia della tua comunità
Il consumismo è pazzesco il cibo essendoci molti immigrati e un misto internazionale si mangia dicono il miglior sushi del pianeta.
La cosa bella dei canadesi che il loro senso civico e per fin esagerato.appena pensi,dico pensi di attraversare la strada le auto si fermano,è per fin imbarazzante le case non sono chiuse a chiave.i mezzi pubblici sono una bellezza .la sanità come in Italia ma senza ladri. Le citta sono divise dalla downtown dove ha sede la parte produttiva della città.Si può benissimo dire che il Canada e abitato esclusivamente in periferia, la maggior parte della gente vive in case enormi,sono tutti grossi ,hanno dei garage da 100 mq dove ci sta una sala prove (ti ricordi il problema in Italia per suonare,ebbene qui ognuno ha la sala prove,) dovevamo nascere qui . Perché qui e tutto enorme pensa che noi in autostrada mettiamo fra una corsia e l’altra lo spartitraffico loro ci hanno messo dei boschi,ti rendi conto fare inversione di marcia son cazzi, devi farti 20 kilometri :Qui si parla inglese 60%,francese24% per il resto ti esprimi come ti pare tutte le lingue del mondo perfino il 2% parlano Inuit (i mitici Indiani d’America) adesso ti mando un' immagine la prendo da ,questo ragazzo Paul Dex che qui è molto quotato,sono abbastanza sereno,almeno per il futuro dei miei figli.
8 ore fa

M.F.ok Marc adesso sento Yonas gli faccio scrivere il post a lui mandami la foto,non esagerare qui siamo piccoli.
6 ore fa


M.F: Yonas mandami condizioni di lavoro,  stipendio e costo alloggi. Cibo. Sto andando in rete, manda .e -news. io pubblico. Ormai sei assunto come corrispondente all'estero,datti da fare al testo ,ci penso io considera che un buon editore più taglia e meglio è- sbrigati che chiudo ,sono in contatto con un tuo concittadino che mi sta mandando una foto proprio da Toronto pensa com'è piccolo il mondo io sono qui in contatto con due persone contemporaneamente, che si trovano nella stessa metropoli dall'altra parte dell'oceano ,aspetto... ohi è arrivata- adesso vado a elaborare l'immagine.-Minkia ha mandato una distilleria l'animale..

Y:G.:Michele, l'idea é tua, tu sei il filosofo, io ti ho dato il mio limitato punto di vista...prendi le parti che ti interessano aggiustale, pigiale e fanne un buon lambrusco, visto che sei in Emilia , l'importante é che sia un'analisi con un punto di vista! A me interesserebbe (solo se ti va) un tuo paragone e tra il modo di vedere canadese e quello italiano (entrambi potenti nazioni e parte del G8), su ciò che riguarda l'immigrazione ! In quanto agli altri dati vediamo cosa trovo...la parte delle donne dovrò fare una ricerca approfondita e personale !! lo!
5 ore fa


Average annual cost of living in Canadian Dollars (Toronto 2008) 

Shelter $18901 

Transportation 10229 

Food 8132 

Recreation 4141 

Household operation 3892 

Health care 2115 

Tobacco products and alcoholic beverages 1537 

2011 Minimum wage 

$10,25 per hour 

Median family income 2011 

$92453 (New immigrant $66377) 
Federal Income tax 
On the first $41544 of taxable income, + 15% 
On the next $41544 of taxable income (on the portion of taxable income between $41544 and $83088), + 22% 
On the next $45712 of taxable income (on the portion of taxable income between $83088 and $128,800), + 26% 
Taxable income over $128800. 29% 
Crime Statistics (Annual) 2009 
Homicide 178 
Serious Assault 15684 
Robbery 12210 
Total Violent Crime 131437 
Total Violent Crime Rate (per 100,000) 1006.

M.F.:Ciao ragazzi grazie spero che il post vi piaccia un abbraccio

3 ore fa







dialogo attraverso facebook fra me Yonas e Marc grazie a tutti anche al fotografo Paul


Yonas Ghebrelul Ghebreyesus--Marc Rikler--Paul Dex
















                

Disqus for kigheghe



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post in evidenza

Lampi di felicità

Chi non teme che il più banale dei suoi momenti presenti diventi in futuro un paradiso perduto? Nicolás Gómez Dávila Photo by Nick ...

Ciò che trovo è mille volte più bello di ciò che cerco

Welcome


Welcome to my word,my soul,my refuge,in my silence,in my pain,my thought never revealed,hidden my dream,in my deepest needs...

Questo blog non ha scopo di lucro,nato il 25/agosto/2011 in un punto,uno spazio ed un tempo della mia vita non prevista.

Dedicato alla memoria di mio fratello Riccardo Carbognin umile artista che ha curato la grafica ispirato la maggior parte dei racconti.

L'autore è un "filosofo" dei poveri,musicista degli umili,ex fotografo,tanti mestieri,uno dei tanti,operaio di sogni.Kigheghe è un locale immaginario alla fine del mondo frequentato da poeti,musicisti.umili eroi e sognatori folli.

Kigheghe a Parma significa "chi c'è...c'è".

Il blog vanta la collaborazione di amici e artisti solitamente "fuori catalogo"un intero mondo che si rivolge a tutte le schegge africane e non sparse nel pianeta terra come una collana di perle spezzata.

L'Africa, la mia terra natia ormai è persa ma in questo blog rivive magicamente nei miei ricordi...

"Vivevo nel bush uscivo di casa ed avevo il mare tutto per me...ma non lo sapevo".

Michele Fedele. Alias miksocrate



Contattami !

Contattami !
Puoi inviare da qui un email

Post più popolari

Post più letti ultimi 30 giorni

Cerca nel blog

feed

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Powered by Blogger.

Tags

d
acqua action Alabama alien altopiano Amazzonia amore amsterdam angoscia Armi Asia asmara asordante assisi azioni balena banana barbarie basta lavorare BCE blu velvet blues Bruce buddismo caccia Caino california Calvino Canada cantico carbognin cervello cher cielo città civiltà clandestini class comico coraggio corteo Cuba curarsi danno danza denaro diamante dio diploma DOMANDE dream economia economy Eraclito esistenza estévez Ethiopia europa face fame fantasia farfalla feliciano felicità fiamme figlia filosofia finanza finazcapitalismopsicotico follia.credenza fondi pensione fotografia Francesco frontiere futurista futuro genere umano giappone giardino grida grossa guerra Hendrix Hitler homo immaginazione immigrazione.multiculturalismo impero incubi inferno infinito irresponsabile italia laurea leggere leopardo libro linguaggio luce del sole luna mania.anarchia mare massawua meditazione mercato millesimo mimetismo mistero mondo Money Montale morte nascere nato nome oblio occhi occhio oceano odio onde pace palma paradiso parma passato paura perchè perdonare piedi.nudi Pink-floyd potere produzione fabbrica profitto psicoanalisi radice razza razzismo realtà religione Renault4 ricordo ridere riesco rinascimento risata ritorno rivoluzione rock rumore sapere scienza scimmia secondo seychelles silenzio socrate software sogno sole sonno sonoro spazio spirito spray stelle storie stupidità SUD tasse TEMPO terra terremoto Toronto tre note autunno parmigiano Truffaut tutto è regalato università uomo vento virtuale vita vivere volume wasser