"In ogni conflitto, le manovre regolari portano allo scontro, e quelle imprevedibili alla vittoria.
Chi è abile nel sortire bizzarri stratagemmi è inesauribile come il Cielo,
la Terra e i grandi fiumi.
Giunto al termine riparte, come il sole e la luna; dopo morto rinasce, come le quattro stagioni."
Sunzi, L'arte della guerra (Ping Fa)

<>guerra


Sperimentazioni paradossali di possibili vie d’uscita e non perpetue assicurazioni
di salvezza da esistenze invivibili scritte da un Michele misterioso

Sono nato in un mondo, dove tutto cambia a una velocità spaventosa, in un paese in cui ho passato la mia
infanzia, cresciuto attraverso dolorose esperienze di lacerazione interiore il paese
in cui ho passato la mia infanzia, non sa più come si chiama. Non ho scelto di nascere e non
ho potuto evitare le “trappole della vita”: il tempo, lo spazio, il caso.
La miscela esplosiva all’inizio casuale
si è trasformata progressivamente in catena di bisogni
inesorabili e di condizionamenti gravosi.

Che cosa c’è nel mio nome? Quando da bambino ricopiavo con ammirazione e stupore le sillabe che racchiudevano
il mio nome e cercavo di indovinare quali presagi poteva racchiudere la sequenza sonora, e il disegno fantastico
delle lettere. Mi hanno detto:<<Michele, questo è il tuo nome >>Il che significa che appartiene solo a me e che
resterà mio anche quando l’età avrà cambiato perfino la forma del mio corpo, del mio volto e delle mie mani.
E quando alla fine, dopo che tutto avrò restituito il nulla resterà di me, solo una vecchia iscrizione
su un registro dello stato civile o  una cifra tra i segni,
in una la lapide di un cimitero per i posteri.


<>2012-03-20_092128



. . La natura mi ha inchiodato a precise fattezze fisiche e ascendenze famigliari, la società pretende di rinchiudermi in determinati parametri e leggi.
Entrambe cospirano nel trasformarmi in “individuo” sempre presente lucido, compatto ma soprattutto sempre uguale e responsabile
a cui imputare ogni azione. Il nome mi elargisce il certificato di esistenza e l'accesso al credito, ma in realtà serve soprattutto per non mettere in pericolo
gli equilibri collettivi concordati, quasi un sigillo di responsabilità. Faccio parte di  gruppo animale  costretto a sanzionare i meccanismi di riproduzione
mimetica e di attribuzione dell’identità. La mia personalità è il passaporto ,soltanto un modo di costruire me stesso
provvisorio,un artificio interiore e convenzionale frutto di segrete tendenze un “Michele” d’incosciente imitazione.
Ogni mia conoscenza è del resto  una costruzione umana o una “finzione” e nella normalità , ogni volta si adatta alle mutevoli divergenze come un camaleonte impazzito.
Sono queste le assurde costruzioni per operare  a possibilità di senso del mondo. A esse non corrisponde che la mia volontà di edificarlo , e di conseguenza,
arrivo a conoscere soltanto quello cui riesco a dare forma. Pregno di ambiguità che intrattengo con me e con gli altri.
Sembrerebbe una cosa mostruosa ma questa è la condizione di ognuno di noi stabile e inmutevole .
 Io “sono Michele” ma son anche una moltitudine di “altri Michele” repressi assopiti ribelli e dimenticati.
Costantemente impegnato
in una guerra psicologica con i miei ospiti.
Sono fantasmi simpatici, sgraditi, geni, romantici, poeti, musicisti, operai capaci di gesta eccezionali ma anche nefandi follie.
Quando Michele principale quello che comanda s’indebolisce o si frantuma, gli altri Micheliani esasperati dal lungo
esilio gli rivelano senza pietà la falsità e la meschinità della sua dittatura feroce e lo sostituiscono provvisoriamente.
La cosa affascinante che il Michele principale pensa di conoscersi e di conoscere molto bene i suoi ospiti ,e addirittura crede all’immagine molte volte errata che Mik e gli altri hanno di lui.
Una confederazione instabile di anime sotto un Io egemone.
La sua “normalità”, mentale, o “morale”non rappresenta solo che una piccola
parte di un risultato faticosamente raggiunto e virtualmente precario giacché il suo mantenimento esige un enorme dispendio di energie.
Nel suo cervello non vi è una pacifica convivenza ma una guerra civile senza esclusione di colpi, con un io tiranno che secondo le necessita
si allea ora con l’uno o con l’altro divide et impera, certo una lotta giustificata perché non spontanea giacché consapevole somma e confluenza di condizionamenti fisici e sociali secolari.
Tutta una finzione che cancella consapevolmente la vera essenza della sua persona.
Un vaso di Pandora ben sigillato.
A volte Michele ha la possibilità ,la fortuna o disgrazia di perdere contro i Micheliani ribelli,cede e come, un fiume in piena
travolge tutto e le sue rovinose ondate scombussolano il suo mondo, ed è allora che finalmente dopo aver quasi distrutto temporaneamente ogni conflitto,
raggiunge una conoscenza terribile ma incredibilmente vera in cui ciò che lo trattiene al quieto vivere, svanisce , e
finalmente dopo aver quasi distrutto temporaneamente ogni conflitto, scopre che si può vivere senza sentirsi un altro.
Dimessosi da se stesso, uscito dal gioco delle parti, diventato una maschera nuda,rinuncia alla finzione e all’assurdo lascia che entri in lui
la serena e calma determinazione di essere vero.
Un nuovo essere finalmente
in comunione con la natura che ha ritrovato la pace nel contatto con l’oceano stupendo della vita.


saifur

Per un attimo senza più la guerra.
Un umile abdicazione al proprio trascorso. Non più una marionetta cui è affidata una seconda parte monotona e assurda.
il rovescio della medaglia, agli occhi degli altri significa essere schedati come pazzoidi, portatori di un berretto
a sonagli,imprevedibili. Pericolosi divulgatori delle segrete verità di ciascuno che minano la civile convivenza.
Per un attimo senza più la guerra. 
Una volta riappacificato il pensiero e alleviato il senso di vertigine può assaporare finalmente la freschezza del proprio
nascere e morire in ogni momento, e perdersi e ritrovarsi nell’incostante provvisorietà e squilibrio del tempo.
Solo un attimo.
L’esistenza non è più insensata ma zampilla ininterrottamente, ricadendo su se stessa e modificando come l’acqua in un continuo di variazioni  musicali.
E finalmente
 nella contemplazione del mondo si gusta , la deliziosa danza della regressione al regno minerale o vegetale , ricominciando ogni giorno a nascere con un vero inizio

Miksocrate





mf

Disqus for kigheghe



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post in evidenza

Lampi di felicità

Chi non teme che il più banale dei suoi momenti presenti diventi in futuro un paradiso perduto? Nicolás Gómez Dávila Photo by Nick ...

Ciò che trovo è mille volte più bello di ciò che cerco

Welcome


Welcome to my word,my soul,my refuge,in my silence,in my pain,my thought never revealed,hidden my dream,in my deepest needs...

Questo blog non ha scopo di lucro,nato il 25/agosto/2011 in un punto,uno spazio ed un tempo della mia vita non prevista.

Dedicato alla memoria di mio fratello Riccardo Carbognin umile artista che ha curato la grafica ispirato la maggior parte dei racconti.

L'autore è un "filosofo" dei poveri,musicista degli umili,ex fotografo,tanti mestieri,uno dei tanti,operaio di sogni.Kigheghe è un locale immaginario alla fine del mondo frequentato da poeti,musicisti.umili eroi e sognatori folli.

Kigheghe a Parma significa "chi c'è...c'è".

Il blog vanta la collaborazione di amici e artisti solitamente "fuori catalogo"un intero mondo che si rivolge a tutte le schegge africane e non sparse nel pianeta terra come una collana di perle spezzata.

L'Africa, la mia terra natia ormai è persa ma in questo blog rivive magicamente nei miei ricordi...

"Vivevo nel bush uscivo di casa ed avevo il mare tutto per me...ma non lo sapevo".

Michele Fedele. Alias miksocrate



Contattami !

Contattami !
Puoi inviare da qui un email

Post più popolari

Post più letti ultimi 30 giorni

Cerca nel blog

feed

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Powered by Blogger.

Tags

d
acqua action Alabama alien altopiano Amazzonia amore amsterdam angoscia Armi Asia asmara asordante assisi azioni balena banana barbarie basta lavorare BCE blu velvet blues Bruce buddismo caccia Caino california Calvino Canada cantico carbognin cervello cher cielo città civiltà clandestini class comico coraggio corteo Cuba curarsi danno danza denaro diamante dio diploma DOMANDE dream economia economy Eraclito esistenza estévez Ethiopia europa face fame fantasia farfalla feliciano felicità fiamme figlia filosofia finanza finazcapitalismopsicotico follia.credenza fondi pensione fotografia Francesco frontiere futurista futuro genere umano giappone giardino grida grossa guerra Hendrix Hitler homo immaginazione immigrazione.multiculturalismo impero incubi inferno infinito irresponsabile italia laurea leggere leopardo libro linguaggio luce del sole luna mania.anarchia mare massawua meditazione mercato millesimo mimetismo mistero mondo Money Montale morte nascere nato nome oblio occhi occhio oceano odio onde pace palma paradiso parma passato paura perchè perdonare piedi.nudi Pink-floyd potere produzione fabbrica profitto psicoanalisi radice razza razzismo realtà religione Renault4 ricordo ridere riesco rinascimento risata ritorno rivoluzione rock rumore sapere scienza scimmia secondo seychelles silenzio socrate software sogno sole sonno sonoro spazio spirito spray stelle storie stupidità SUD tasse TEMPO terra terremoto Toronto tre note autunno parmigiano Truffaut tutto è regalato università uomo vento virtuale vita vivere volume wasser