Post in evidenza

Esilio

Immagine
Foto di Eric Lattourgue


Va Piano Mick.
Hai studiato ottimismo per trentatré anni.
Niente da fare.
Dimentica l'egoismo adolescente,basta con quell'orgoglio.
Hai Fatto qualsiasi lavoro, tutti i Movimenti di Uomini Perfetti,
le armoniche Impossibili.

Hai licenziato la notte invernale tanto tempo fa.
I centesimi di rame in fondo al cassetto.
 L'acciaio freddo della produzione Umana, la Foresta di tubi inox affogati Nel mercurio.
Le albe grigie, i raggi di luce.

Le donne curiose delle antiche follie, i sensi invecchiati.
Stand-by universo,
prima che il puro rumore dei rapper mi tolga la memoria.


Oh nera madre diamante d'amore!
Chiedo Perdono ai di miei sogni calpestati.
Oh mia madre donna degli Altipiani!


Un esilio di assurda magia, il Movimento di femmine stanche  precipita dentro il vapore industriale, immaginando il silenzio. Oceano indifferente, tempestoso e atrocemente liquido.

Per Angelina stella del mattino.
Una nota di musica che mette da parte le equazioni, unico i…

Michele e la sua guerra interiore





la fine del principio fhoto R.Salvaterra




Qualcuno ha voluto la nostra insignificante esistenza per un
misterioso completamento di un’enigmatica armonia che sfugge. E come si fa a concepire
il sacrificio di milioni di persone perché il tutto debba esistere in equilibrio.
E chi può giudicare sapendo ciò?Ma se tutto è così difficile da comprendere, si
è ha forse la colpa di non riuscire a capire ciò che non è comprensibile?  Penso che se fosse in potere a ognuno di noi
mat sicuri foto M.Fedele
di non nascere, non si accetterebbe l’esistenza a un prezzo così alto. L’unico
potere che ci rimane è quello di morire, NON è poi una gran cosa. E allora
bisogna pur vivere. Una volta nati sembra che l’esercizio cui ci si appassioni
di più è trovare la maniera per complicarsi la vita, e guarda caso ci riesce
benissimo dedicandosi con grande zelo, circondandosi d’incomprensibili bisogni
senza accorgersi che la signora Morte è sempre lì dietro l’angolo con superba pazienza.
A volte prima dell’incontro definitivo in cui inesorabilmente vince, si ha per
quanto paradossalmente sembri la possibilità di incontrarla per un attimo. Solo
allora ci si accorge di aver rinunciato a quelle piccole grandi cose che si
erano messe in attesa.






                                                                     Miksocrate



Top Ten

I silenzi che mettono a disagio

Asmara blues

Ti rivedrò lassù

Incontinenza Psichica

Mick, stai allegro

La gentilezza è rivoluzionaria

My little Asmara

IL GRANDE CACCIATORE

Camminare in città a piedi nudi

L’incubo del babbuino