Michele e la sua guerra interiore





la fine del principio fhoto R.Salvaterra




Qualcuno ha voluto la nostra insignificante esistenza per un
misterioso completamento di un’enigmatica armonia che sfugge. E come si fa a concepire
il sacrificio di milioni di persone perché il tutto debba esistere in equilibrio.
E chi può giudicare sapendo ciò?Ma se tutto è così difficile da comprendere, si
è ha forse la colpa di non riuscire a capire ciò che non è comprensibile?  Penso che se fosse in potere a ognuno di noi
mat sicuri foto M.Fedele
di non nascere, non si accetterebbe l’esistenza a un prezzo così alto. L’unico
potere che ci rimane è quello di morire, NON è poi una gran cosa. E allora
bisogna pur vivere. Una volta nati sembra che l’esercizio cui ci si appassioni
di più è trovare la maniera per complicarsi la vita, e guarda caso ci riesce
benissimo dedicandosi con grande zelo, circondandosi d’incomprensibili bisogni
senza accorgersi che la signora Morte è sempre lì dietro l’angolo con superba pazienza.
A volte prima dell’incontro definitivo in cui inesorabilmente vince, si ha per
quanto paradossalmente sembri la possibilità di incontrarla per un attimo. Solo
allora ci si accorge di aver rinunciato a quelle piccole grandi cose che si
erano messe in attesa.






                                                                     Miksocrate