Una carezza dal tempo e uno schiaffo dalla storia

A volte basta un attimo per scordare una vita,ma a volte non basta una vita per scordare un attimo

                                                                                                                                   

photo by Adam Magyard



Eraclito:”Nessun uomo si bagna due volte nello stesso fiume”.

È sempre lo stesso fiume che scorre,ma non è mai la stessa acqua. Sulla placida superficie a volte si forma una schiuma con delle bolle che rimangono in formazione sferica solo per pochi secondi.
Queste appaiono e scompaiono come spiriti e lo stesso vale per il mondo e per gli umani e le loro città. 
Generazioni intere muoiono un mattino ma sono sostituite la sera .

Si comportano esattamente come le bolle che appaiono e scompaiono nel fiume.
E quegli uomini che nascono e muoiono,da dove vengono? Dove andranno? Non lo sa nessuno.

I saggi dicono: Il tempo è un fiume, tutti vorrebbero mettersi sulla sua sponda a contemplarne il corso ,ma il fiume del tempo è crudele, esce dagli argini e li sommerge.

L’uomo è nel tempo come un pesce che ignora l’oceano.

Nessuno conosce quella figura totale del tempo che si chiama Storia,e che esiste solo nei pensieri di un Dio assente, e tutti i ricordi, tutti i dolori di un’esistenza, alla fine si cancellano e restano soltanto i sogni a cui non resta ormai che affidare il fardello della vita.

Ma il tempo della storia non è mai da solo non viene da nessun luogo e non porta da nessuna parte,

tutti ci siamo dentro ma pochi ne sono consapevoli.

Non esistono né il passato né il futuro; il presente è puro azzardo aperto come due false prospettive che precipitano in un abisso davanti e dietro di noi.




Adam Magyard cerca di dimostrare la teoria di Einstein con una macchina fotografica modificata da lui, quello che ottiene è inquietante.



Appassionato di dispositivi fotografici spesso trovo sofisticati strumenti realizzati per scopi industriali li modifico per l'uso dell'arte e li metto in un contesto umano . In particolare mi piace lavorare con l'incredibile quantità di dettagli che solo un occhio macchina può vedere. Inizialmente , ho fatto il video come un esempio per le fotografie della ' inox ' . Salii la linea U2 della metropolitana di Berlino con una telecamera ad alta velocità e catturato la piattaforma mentre il treno stava arrivando da Alexanderplatz . Quando ho elaborato i dati  ho visto una fila infinita di sculture viventi . Il film ha rivelato la bellezza che si trova nella più semplice delle scene e la più comune delle situazioni. Catturare 1000 fotogrammi al secondo è al limite della  fotografia e del cinema . Si scopre una dimensione temporale emozionante e un mondo di nuove percezioni .



                                                                                                                                   
                                                                                                      

 Micsocrate    


mf